X

SISTRI

                                                                                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                 

SISTRI

SISTRI: la gestione rifiuti diventa telematica.


Tutte le imprese che operano nel settore rifiuti devono modificare le loro modalità di gestione. Formulari, registri e MUD sono destinati ad essere progressivamente sostituiti dal nuovo sistema telematico SISTRI (Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti) messo a punto dal Ministero dell'Ambiente.

Si tratta di una semplificazione che attraverso l'informatizzazione delle imprese, porterà ad una riduzione degli adempimenti e dei costi oltre ad una riduzione degli illeciti ambientali.

Soggetti coinvolti ed adempimenti
Produttori, trasportatori, intermediari, gestori dovranno dotarsi di un PC, iscriversi al sistema, acquisire dalle Camere di Commercio una chiavetta USB dedicata per ogni unità locale e dovranno montare su ogni mezzo uno speciale box informatico, con GPS. La chiavetta USB conterrà un software specifico che sostituirà registri, formulari e MUD.

Fasi:

1) iscrizione
2) pagamento Contributi
3) ritiro dispositivi
4) installazione dispositivo
5) Installazione software
6) gestione rifiuti cartacea/elettronica
7) entrata a regime dispositivi
8) Gestione rifiuti elettronica


Iscrizione
I soggetti obbligati sono stati divisi in due gruppi:

dal 14 gennaio al 30 marzo 2010** - i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, incluse le imprese che effettuano operazioni di raccolta e trasporto di 30 kg o 30 I al giorno dei propri rifiuti pericolosi, con oltre 50 dipendenti; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività artigianali, industriali e di trattamento rifiuti con oltre 50 dipendenti; i commercianti e gli intermediari di rifiuti; i consorzi per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti; le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali e quelle che effettuano il recupero o lo smalti mento dei rifiuti; i soggetti coinvolti nel trasporto intermodale dei rifiuti. Per questi operatori, l'operatività scatterà entro il 14 luglio 2010.

dal 13 febbraio al 29 aprile 2010** - i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, compresi coloro che effettuano operazioni di raccolta e trasporto di 30 kg o 30 I al giorno dei propri rifiuti pericolosi, fino a 50 dipendenti le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività artigianali, industriali e di trattamento rifiuti tra i 50 e gli 11 dipendenti. Per questi operatori, l'operatività scatterà entro il 12 agosto 2010.

Adesione volontaria
Dopo tale data potranno aderire, volontariamente, le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi da attività artigianali, industriali e di trattamento rifiuti fino a 10 dipendenti, le imprese che effettuano il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi; gli imprenditori agricoli che producono rifiuti non pericolosi; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività diverse da quelle artigianali, industriali e di trattamento rifiuti.

già effettuata antecedentemente al decreto di proroga**

vai al sito ufficiale www.sistri.it/